Salgono a 17 le vittime del nuovo coronavirus cinese: tutti registrati nella provincia di Hubei dove si trova la città-focolaio di Wuhan. Intanto, secondo gli ultimi dati forniti dal vice ministro della Commissione nazionale per la salute Li Bin, i casi accertati in tutto il Paese hanno superato i 400 e aumentano i casi anche fuori dal Paese: il virus è stato intercettato per la prima volta anche a Hong Kong, a Macao e negli Stati Uniti, dove un uomo è stato ricoverato in isolamento al Providence Regional Medical Center di Everett, nello stato di Washington. Le sue condizioni sono stabili. Era appena tornato Wuhan, il focolaio dove si è diffuso il virus.

L’uomo, che era stato ricoverato per polmonite la scorsa settimana, avrebbe detto però di non essere stato nel mercato centrale della città cinese, dove sono messi in vendita pesci ed animali selvatici, considerato l’origine del virus. Fonti al Washington Post precisano che l’uomo è arrivato negli Usa la scorsa settimana prima dell’avvio da parte delle autorità sanitarie federali di controlli sui viaggiatori in arrivo dalla città cinese di Wuhan, focolaio dove si è diffuso il virus, negli aeroporti internazionali di Los Angeles, San Francisco e New York.

La notizia del primo caso di contagio a Hong Kong è stata riportata da Bloomberg citando Cable TV: il paziente, che si trova in isolamento in ospedale, era arrivata da Wuhan su un treno ad alta velocità. Anche la regione di Macao ha annunciato il primo caso accertato del coronavirus: una imprenditrice di 52 anni arrivata domenica in treno dalla vicina città di Zhuhai. “Una serie di test ha dimostrato che era positiva al coronavirus e che aveva sintomi di polmonite”, ha detto ai giornalisti Lei Chin-lon, capo del dipartimento della salute di Macanan. La donna era rimasta al New Orient Landmark Hotel con due amiche, sotto sorveglianza medica dopo il suo ricovero. Per correre ai ripari, la prima misura è stata l’obbligo per tutti gli impiegati dei suoi casinò di indossare una maschera: unica area in tutta la Cina in cui è consentito il gioco d’azzardo, l’ex colonia portoghese attira ogni anno milioni di turisti dalla Cina continentale. E con l’inizio di una vacanza lunare di Capodanno in pochi giorni, la città situata sull’estuario del fiume Pearl si sta preparando a un grande afflusso di visitatori.

Mentre in Thailandia sale a quattro il numero complessivo di persone contagiate, dall’Australia arriva la conferma che il paziente ricoverato con una polmonite sospetta non è un caso di coronavirus.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Libano, nuovo governo filo-Hezbollah: fuori i partiti vicini a Usa, Francia e Arabia Saudita. “Lavoreremo per soddisfare chi protesta”

next

Articolo Successivo

Jeff Bezos, il cellulare del fondatore di Amazon “hackerato dall’Arabia Saudita”: la rivelazione del Guardian

next