Italy

Coronavirus nel mondo, negli Usa superati i 200 mila morti. Spagna, 10 mila contagi in 24 ore e 241 decessi

Il Regno Unito conferma le restrizioni: pub e ristoranti chiusi dopo le 22, multe salate per chi non rispetta l'obbligo di mascherina e le distanze sociali. Il premier Boris Johnson avverte che se le nuove misure non faranno scendere l'indice di trasmissione Rt sotto 1, il governo "dispiegherà restrizioni significativamente maggiori". Dagli Stati Uniti, che restano il Paese più colpito con più di sette milioni di casi, il presidente Donald Trump afferma di nuovo che il virus colpisce "realmente" solo le persone che hanno "altri problemi". Fauci però incalza, secondo l'immulogo senza Covid in Usa ci sarebbero stati 200mila morti in meno. In Europa, di fronte al nuovo aumento dei contagi anche il premier ceco ammette di aver riaperto il Paese troppo presto. Momento cruciale: 156 Paesi accettano l'accordo per l'assegnazione dei vaccini. La situazione nel mondo: grafici e mappe La timeline

Usa, superati i 200 mila morti

Negli Usa sono stati superati i 200 mila morti per il coronavirus. Emerge dall'ultimo aggiornamento di Johns Hopkins University. A marzo, il presidente Donald Trump aveva detto che se le morti fossero state tra le 100 mila e le 200 mila, il Paese avrebbe fatto un "ottimo lavoro".

Spagna, 10 mila casi al giorno: 241 morti nelle ultime 24 ore

La curva dei contagi Covid continua a salire in Spagna. Secondo l'ultimo bollettino delle autorità sanitarie, nelle ultime 24 ore ci sono stati 10.799 nuovi casi, che conferma il ritmo del bilancio di ieri. Dopo un fine settimana senza aggiornamento dei dati, lunedì le autorità sanitarie avevano registrato 31.428 positivi da venerdì, con una media di oltre 10.400 nuovi casi al giorno. Il ministero della Sanità spagnola ha annunciato che 241 persone sono morte a causa del coronavirus nelle ultime 24 ore. Lo riporta El Pais. Si tratta del numero più alto di vittime dall'inizio della seconda ondata di Covid-19. Durante la prima ondata il record di morti è stato di 950 in un solo giorno. 

Gb, Johnson conferma le restrizioni: "Rigide e in vigore per 6 mesi"

Sarà di "sei mesi" la durata prevista delle nuove restrizioni ripristinate oggi dal governo britannico sul fronte dell'emergenza coronavirus. Lo ha detto il premier Tory, Boris Johnson, alla Camera dei Comuni, precisando che la settimana prossima l'esecutivo sottoporrà al Parlamento un'estensione della legislazione di emergenza approvata in primavera nella fase più acuta della pandemia. Le misure includono anche la riduzione a 15 persone del numero massimo di invitati ai matrimoni. Johnson ha definito la situazione attuale "un pericoloso punto di svolta" da affrontare subito. Il leader dell'opposizione laburista Keir Starmer ha approvato le nuove misure, ma ha accusato il governo di non avere una strategia complessiva, ha criticato le falle nel sistema di test e tracciamento e ha detto che un eventuale lockdown nazionale bis rappresenterebbe il segno di "un fallimento" dell'esecutivo.

Chiusi di sera pub e ristoranti

Il Regno Unito ha alzato il livello di allerta. Le autorità hanno sottolineato che senza nuove drastiche misure e “un cambio di rotta” il Paese rischia almeno 200 morti al giorno a novembre.
Coronavirus nel mondo, negli Usa superati i 200 mila morti. Spagna, 10 mila contagi in 24 ore e 241 decessi

Il premier britannico Boris Johnson annuncia ai Comuni le nuove misure per contenere l'epidemia. I pub dovranno chiudere alle 22 e la polizia avrà nuovi strumenti per far rispettare le regole a partire da quella de distanziamento, specie nei locali pubblici. Gli agenti potranno fare multe fino a mille sterline e, in casi più estremi, arrivare all'arresto


In Gran Bretagna, che ha superato i 400mila casi, è di nuovo emergenza. In mattinata, il premier ha presieduto la riunione del Cobra. ieri ha fatto un giro di consultazioni telefoniche con i primi ministri di Scozia, Galles e Irlanda del nord, che gli hanno sottoposto le misure di contenimento del virus al tavolo di studio.

Senza mascherina: "Le multe saranno raddoppiate"

In Inghilterra multe raddoppiate a 200 sterline per chi non rispetteranno l'obbligo della mascherina o la 'regola dei sei', ha annunciato Johnson, avvertendo che se le nuove misure anti-Covid non faranno scendere l'indice di trasmissione Rt sotto 1, allora il governo "dispiegherà una maggiore potenza di fuoco con restrizioni significativamente maggiori".

Oms, record casi settimanali ma meno morti

Due milioni di nuovi casi di Covid-19 sono stati registrati nella settimana dal 14 al 20 settembre (+5% rispetto alla settimana precedente) ma il numero dei decessi è sceso del 10%: lo ha reso noto l'Organizzazione mondiale della Sanità. Con l'eccezione dell'Africa, in tutti i continenti si è registrato un aumento dei casi. "Si tratta del maggior incremento settimanale da quando è iniziata l'epidemia - segnala l'Oms nel suo bollettino  -. Nello stesso arco di tempo, il numero dei decessi è però sceso del 10%, con 37.700 vittime registrate". Le cifre dell'Organizzazione si basano sui dati ufficiali dei vari Paesi, che però in molti casi rischiano di essere incompleti. Secondo l'Oms, in Europa si registra il più forte aumento delle vittime (+27% sulla settimana precedente), mentre il continente americano ha il primato dei nuovi casi (+38%), ma registra un importante calo dei morti, -22%. In Africa, l'epidemia continua a rallentare, con un -12% di nuovi casi e un -16% di morti rispetto alla settimana precedente.

Germania, allarme seconda ondata

La Germania ha registrato quasi duemila nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, circa del doppio di ieri, e lancia l'allarme per l'aumento dei contagi. L'Istituto Robert Koch ha rilevato che "dopo una temporanea stabilizzazione, il numero dei contagi ha ripreso a crescere".

Repubblica ceca, il mea culpa del premier

Il primo ministro ceco Andrej Babis ha ammesso che il suo governo ha commesso "un errore" nell'allentamento delle restrizioni anti-coronavirus già durante l'estate. Dopo essere riuscito a controllare l'epidemia con misure rigorose come l'uso obbligatorio di maschere all'aperto, il governo ceco aveva revocato la maggior parte di queste misure prima delle vacanze estive.

Trump, "Praticamente il virus non colpisce gli under 18"

Rassicurante come cerca di essere, il coronavirus "non colpisce praticamente nessuno" che abbia meno di 18 anni e rappresenta un rischio praticamente solo per "le persone anziane con problemi cardiaci e altri problemi preesistenti" ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti Donald Trump nel corso di un evento elettorale a Swanton, nell'Ohio, dove quasi nessuno indossava la mascherina per proteggersi dai contagi. Trump ha poi sostenuto che gli Stati Uniti, dove circa 200mila persone hanno perso la vita per complicanze legate al Covid, sono "tra i Paesi al mondo che hanno il tasso di mortalità più basso al mondo" per il coronavirus.

Fauci: senza Covid in Usa 200mila morti in meno

Le 200mila persone circa che finora sono state uccise dal Covid-19 negli Stati Uniti "probabilmente non sarebbero morte" se non avessero contratto il virus: lo ha detto ieri sera l'immunologo americano Anthony Fauci, capo della task force Usa contro il coronavirus, durante il programma televisivo 'The Daily Show'. Fauci, riporta la Cnn, stava rispondendo a una domanda del conduttore del programma Trevor Noah sulla teoria di coloro che nel Paese pensano che la causa di questi decessi non sia il virus bensì altre malattie pregresse. L'immunologo si è detto poi "preoccupato" perché un crescente numero di giovani si sta ammalando di Covid ed i sintomi della malattia rimangono più a lungo nelle persone guarite. Inoltre, ha sottolineato, coloro che guariscono mostrano un'infiammazione del cuore e questo significa che ancora non è chiaro quale sia il pieno impatto del virus sulla salute dei pazienti.

Allarme a Gaza

Ottanta-cento casi al giorno. Sono i numeri dei contagi rilevati nella Striscia da qualche settimana. L'organizzazione Azione contro la Fame sta operando per garantire l'accesso all'acqua e ai servizi igienico-sanitari, favorire la fornitura di dispositivi di protezione individuale e di materiali utili per l'igienizzazione, alleviare le conseguenze economiche legate alle restrizioni alla circolazione, che sono particolarmente rigide nell'area situata a nord. L'aumento dei casi è coinciso con la chiusura dell'unica centrale elettrica di Gaza, avvenuta lo scorso 18 agosto. Recentemente, a seguito dell'escalation delle ostilità tra Gaza e Israele, le autorità israeliane hanno, inoltre, sospeso i rifornimenti di carburante. Dall'11 settembre il flusso di carburante è ripreso e la rete elettrica è in funzione, ma per otto ore al giorno in media.

Messico supera 700mila casi: 33mila in un giorno

Sono stati superati i 700mila contagi di coronavirus in Messico, dove le autorità locali insistono sul fatto che sia rallentato il tasso di contagi. Secondo quanto riporta il ministero della Sanità messicano, nelle ultime 24 ore sono stati confermati quasi tremila casi. Le vittime sono quasi 74mila.

India, oltre mille morti in 24 ore

Nelle ultime 24 ore si sono registrati più di 75mila nuovi casi di coronavirus in India, dove oltre mille persone hanno perso la vita per complicanze legate all'infezione. Lo riferisce il ministero della Sanità di Nuova Delhi, che aggiorna a 5,5 milioni il totale dei contagiati in India e a quasi 89mila i decessi.

Record di vittime in Argentina

Giornata da record con 429 morti legate al Covid-19. Adesso il numero delle vittime è salito a 13.482. Si tratta del maggior numero di morti da quando la pandemia ha colpito il Paese sudamericano dove dal 20 marzo sono in vigore misure di contenimento, con graduale allentamento a seconda della regione.

Accesso ai vaccini per i Paesi più poveri

Più di 60 nazioni, ma non Cina e Stati Uniti, hanno aderito al sistema messo in atto dall'Organizzazione mondiale della sanità per facilitare l'accesso dei paesi poveri al vaccino. L'Oms ha annunciato poche settimane fa il lancio, in collaborazione in particolare con Vaccine Alliance (Gavi), di un dispositivo di accesso globale al vaccino contro il Covid-19. Secondo uno studio del Norwegian Refugee Council (Nrc), la pandemia ha un impatto economico "devastante" sulle popolazioni più vulnerabili del mondo, sfollate o che vivono in zone di conflitto, costrette alla fame o ad abbandonare la scuola.
 

Football news:

Hans-Dieter Flick: spero che Alaba firmi un contratto con il Bayern. Il nostro club è uno dei migliori al mondo
Diego Maradona: Messi ha dato a barca tutto, portato in cima. Non è stato trattato come meritava
Federico Chiesa: spero di lasciare il segno nella Juve. Il centrocampista Federico Chiesa ha condiviso le sue impressioni sul passaggio alla Juventus
Allenatore Benfica: non voglio che sembriamo L'attuale Barcellona, non ha nulla
Guardiola sul ritorno a barca: sono felice A Man City. Spero di rimanere qui
Fabinho non giocherà con il West Ham a causa di un infortunio
Ronald Kuman: Maradona era il migliore a suo tempo. Ora il miglior messi