Il giovane è spirato in un ospedale del Texas.

Una dottoressa del Methodist Hospital di San Antonio, città del Texas, ha lanciato un appello ai giovani. La donna ha raccomandato di non partecipare ai cosiddetti Covid-party, raduni di persone che, convinte che il virus sia una truffa, si trovano tra contagiati per appurare la veridicità del proprio pensiero.

Uno di loro, un ragazzo di 30 anni, proprio a un’infermiera dell’ospedale sopra citato ha dichiarato di aver avuto la convinzione che il Covid-19 non esistesse, ma di aver capito di essersi sbagliato.

Jane Appleby, questo il nome del medico, ha raccontato la storia del ragazzo, specificando che, attualmente, presso l’ospedale dove lavora sono diversi i giovanissimi ricoverati con i sintomi gravi del Covid proprio dopo aver partecipato a questi insensatissimi party.

covid-party

LEGGI ANCHE: OMS sul Coronavirus: “Il peggio deve ancora venire”

Il giovane è morto in pochi giorni

Il giovane sopra citato è spirato in pochi giorni. Come già detto, poco prima di morire ha affermato di aver sempre creduto che il virus fosse una truffa, ma di essersi reso conto, purtroppo quando ormai era tardi, di aver fatto un errore. L’errore fatale.

LEGGI ANCHE: Più danni al cervello a causa del Coronavirus: cosa dice uno studio