Italy

Coronavirus, stop all’arrivo di 50 migranti a Nettuno dopo le proteste

La prefettura di Roma ha bloccato il trasferimento di 50 migranti a Nettuno, dopo una protesta pubblica organizzata violando le norme sul coronavirus.

coronavirus-migranti-nettuno

A seguito di una protesta pubblica organizzata dalla giunta e dal sindaco di Nettuno la prefettura di Roma ha bloccato il trasferimento di 50 migranti nel centro di accoglienza cittadino, tra cui uno risultato positivo al coronavirus. L’episodio è avvenuto nella giornata del 6 aprile, quando il sindaco di Nettuno Alessandro Coppola ha deciso di riunirsi con i suoi assessori e consiglieri di maggioranza per protestare fuori dal centro di accoglienza di Nettuno, violando così le stesse norme anti coronavirus che vietano espressamente gli assembramenti di persone.

Coronavirus, stop ai migranti ai Nettuno

Nel giustificare la sua posizione, il sindaco Coppola aveva scritto sul suo account social: “È importante specificare che non si tratta di persone positive al virus ma per un comune già fortemente provato come Nettuno, con troppi casi positivi e il rischio di diventare zona rossa, è troppo.

Al momento a Nettuno si contano 50 contagiati da coronavirus, ai quali si aggiungono sei persone decedute e altre quattro guarite dalla malattia.

A seguito della protesta pubblica e del conseguente dietrofront della prefettura di Roma, il sindaco ha espresso sui social la sua soddisfazione ringraziando le autorità: “Sono felice di annunciare ai cittadini di Nettuno che grazie ad un costante lavoro di collaborazione tra maggioranza e opposizione e ad un intenso dialogo con la Prefettura di Roma si è scongiurato l’arrivo dei migranti a Nettuno. Ringrazio per la sensibilità il Prefetto di Roma che ha ascoltato i timori del nostro territorio già provato da troppi casi di Coronavirus”.

In risposta alle proteste di alcuni consiglieri regionali di centrosinistra, che avevano commentato la notizia tacciando il sindaco Coppola di razzismo e xenofobia, il primo cittadino ha dichiarato: Nettuno non abbandona nessuno è il nostro slogan per l’emergenza e rappresenta il cuore della nostra città.

In ogni contesto ci sono frange estreme di razzisti, questo è vero, ma è un fenomeno come ovunque marginale da cui ci dissociamo totalmente”.

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.


Contatti:

Contatti:
Jacopo Bongini

Nato a Milano, classe 1993, è laureato in "Nuove Tecnologie dell’Arte" all’Accademia di Belle Arti di Brera. Prima di collaborare con Notizie.it ha scritto per Il Giornale.

Leggi anche

coronavirus-palermo-bergamo

Cronaca

All’ospedale Civico di Palermo è stato dimesso dal reparto di rianimazione uno dei due pazienti affetti da coronavirus provenienti da Bergamo.

coronavirus-scuola

Cronaca

La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ha spiegato come le valutazioni scolastiche di fine anno terranno conto anche della didattica a distanza.

coronavirus studente residenza universitaria torino

Cronaca

In una residenza universitaria di Torino si è verificato il primo caso di studente positivo al coronavirus: si trovava da settimane in isolamento.

Diario dal fronte del Coronavirus

Cronaca

Perché da Napoli ho deciso di partire fra i 300 medici volontari per aiutare i nostri colleghi delle regioni più colpite dal Coronavirus.

Football news:

Favre sulla critica al suo indirizzo: ne parlano da mesi. Parlero ' tra qualche settimana
Il PSG ha concordato il trasferimento del difensore Porto di Telles per 25 milioni di euro
Inter vuole ottenere 80-90 milioni di euro e Firpo per Lautaro. Barcellona spera di vendere Coutinho per i soldi per il trasferimento
Lionel Messi: la notizia del trasferimento della Coppa America è stata molto colpita. Sarebbe stato un grande evento per me
Arthur ha detto a barca e alla Juve che non sarebbe andato da nessuna parte
Il Senato ha respinto la proposta di Restart League 1. Ora può essere raggiunto solo attraverso il processo
I club APL hanno sostenuto all'unanimità la ripresa degli allenamenti di contatto