Italy

Da Anzio all'eternità: quelle lettere tra Harry e Vera, protagonisti della storia di tutti noi

Un anno fa sul Venerdì di Repubblica abbiamo raccontato lo scambio epistolare tra Vera Lynn e Harry Shindler, un veterano dell'esercito inglese che ha combattuto la guerra in Italia. L'incrocio di due vite che hanno trascorso momenti storici per la libertà di tutti noi. Riproponiamo quell'articolo nel giorno della morte di Vera Lynn.

QUALCUNO si ricorda di Vera Lynn?" cantano i Pink Floyd in The Wall. Harry si ricorda bene di Vera. Mentre restava rintanato per ore nella trincea ad Anzio, sotto il fuoco dell'artiglieria tedesca che sparava dai Colli Albani, la voce soave di Vera risuonava nella sua testa. Nella sua e in quella di altri milioni di soldati britannici schierati sullo scacchiere mondiale della guerra. La ascoltavano nelle trasmissioni radiofoniche tra un combattimento e l'altro. I più fortunati la vedevano arrivare in


carne ed ossa nelle retrovie e assistevano ai suoi concerti. Harry canticchia sotto voce: "Ci incontreremo ancora, non so dove, non so quando. Ma so che ci rincontreremo in un giorno di sole". Un attimo di commozione e ancora: "Per favore saluta la gente che conosco. Dì loro che non sarà per molto. Saranno felici di sapere che quando mi hai visto partire stavo cantando questa canzone". Sono i versi di We'll Meet Again, l'inno di un'intera generazione britannica che ha sacrificato la gioventù sui campi di battaglia. La canzone che ha trasformato Vera Lynn, nome d'arte di Vera Margaret Welch, nella Lili Marleen degli inglesi. La chiamavano Forces' Sweetheart, il tesoro delle forze armate. E Harry si ricorda davvero molto bene di lei. È come se quella voce spalancasse le profondità della memoria. Harry Shindler ha 98 anni, è un veterano dell'esercito di Sua Maestà, ha partecipato allo sbarco di Anzio, ha liberato Roma, ha combattuto i nazifascisti fino all'ultimo giorno del conflitto. Anzi, è il veterano dei veterani perché rappresenta nella Italy Star Association tutti quelli che hanno fattola guerra nel nostro Paese. Vecchi leoni ancora in vita, che ormai si contano sulle punte delle dita. E le centinaia di migliaia che non ci sono più, soprattutto chi è morto in nome della libertà di tutti noi. Per sempre giovane. Come il padre di Roger Waters, disintegrato dai tank tedeschi in un fosso dalle parti di Anzio: "Qualcuno si ricorda di Vera Lynn?" canta Roger in The Wall. "Ricordi quando disse che ci saremmo incontrati in una giornata di sole? Vera! Vera! Che ne è stato di te? C'è nessun altro qui che si sente come me?".
Da Anzio all'eternità: quelle lettere tra Harry e Vera, protagonisti della storia di tutti noi

Una foto recente di Vera Lynn


Da Anzio all'eternità: quelle lettere tra Harry e Vera, protagonisti della storia di tutti noi Anche Vera è ancora viva. Di anni ne ha 102. Harry ha preso carta e penna (non è un modo di dire, perché lui fa così e, al massimo, ribatte con la sua vecchia Olivetti) e ha scritto una lettera: "Dear Dame Vera....". Poche, intense righe per ricordarle l'immensa gratitudine di tutti i veterani inglesi: "Noi abbiamo vinto la guerra con il nostro esercito, con la nostra flotta, con la nostra aviazione...e con Vera Lynn. Sulle spiagge di Anzio non vedevamo l'ora di cantare le tue canzoni e questo ci ha aiutato a sopravvivere in quei giorni bui".
Tempo una settimana e arriva la risposta di Vera, insieme ad una fotografia autografata: "Sono profondamente commossa dalle tue parole. Grazie". Anche qui poche righe. È come se persone che hanno vissuto in prima linea giorni che riempirebbero romanzi su romanzi, preferissero non forzare una sorta di censura del dolore, una volontà oggi di camminare ai bordi di quella tragedia che è la guerra.
Da Anzio all'eternità: quelle lettere tra Harry e Vera, protagonisti della storia di tutti noi

Vera Lynn durante la guerra

Da Anzio all'eternità: quelle lettere tra Harry e Vera, protagonisti della storia di tutti noi

Harry Shindler durante la guerra a Napoli

"Continua a sorridere come fai sempre tu, finché i cieli azzurri terranno lontano le nuvole scure", cantava Vera negli ospedali militari, nei concerti improvvisati al fronte o nei teatri londinesi. Eccola nelle foto in bianco e nero circondata da marinai, da fanti con l'elmetto coloniale, su una jeep o tra gli avieri. Visi sorridenti che cancellavano per un momento l'angoscia della guerra. Chissà quanti di quei ragazzi avranno chiuso gli occhi per l'ultima volta pensando ai capelli biondi di Vera, alla sua voce: "Non so dove, non so quando, ma so che ci rincontreremo in un giorno di sole". Per molti, troppi, non è andata così. "E poi fra non molto" dice Harry "anche l'ultimo dei sopravvissuti di questa tragedia non ci sarà più. Il tempo cancellerà i ricordi dei vivi e a parlare saranno solo le pagine dei libri sempre più ingiallite". Toccherà a noi salvare queste donne e questi uomini dal mare dell'oblio.
Da Anzio all'eternità: quelle lettere tra Harry e Vera, protagonisti della storia di tutti noi

Harry Shindler durante la guerra (l'ultimo a destra in piedi)

Da Anzio all'eternità: quelle lettere tra Harry e Vera, protagonisti della storia di tutti noi

Harry Shindler con Roger Waters

Da Anzio all'eternità: quelle lettere tra Harry e Vera, protagonisti della storia di tutti noi

Harry Shindler militare

Football news:

Rivaldo about messi in juve: nel mondo ci sarà un boom. Il duo di Lionel e Ronaldo passerà alla storia
Atlético Interrompe il rigore per la seconda partita consecutiva. Morata ha realizzato 11 metri dal 2 ° Tentativo
Sandro Rosel: Messi non sarà una pedina nelle elezioni presidenziali del Barça. E ' troppo intelligente
De Rossi about Spalletti possono guidare Fiorentina
Chelsea ha ripreso i negoziati con Willian per un nuovo contratto
Pogba vuole rimanere al Manchester United
Gli ufficiali di doping hanno visitato la base di barca e controllato Griezmann, Busquets e Fathi (MD)