Italy
This article was added by the user . TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

L'eurodeputato richiede il divieto di ammissione al parlamento nella lobby Pro Life

Diritti umani

"Non c'è spazio per programmi tossici per le donne nell'Eurocamera", liberale, firmataria della lettera. Rafaela disse. Metsola indirizzata al Presidente (anti-aborto)

Garantire il diritto all'aborto mentre tutti gli occhi sono attenti all'abolizione del caso Roe v. Wade con gli Stati Uniti La sentenza afferma che la lotta per garantire il diritto all'aborto si sta intensificando in Europa e nel mondo. Alcuni eurodeputati hanno paura di chiedere in una lettera inviata al presidente dell'Eurocamera mentre i dibattiti americani si diffondono in Europa (e persuadono gli anti-abortisti) Roberta Metsola, Lobby Pro Life Bandita dalle sale riunioni di Bruxelles e Strasburgo.

Ha twittato "L'Eurochamber non ha spazio per un'agenda tossica per le donne"Samira Rafaela, membro del gruppo Iberal Renew, firmata da Una delle ra. "Gli Stati Uniti vanno indietro nel tempo e ciò che sta già accadendo in Ungheria, Polonia e persino nei Paesi Bassi", ha affermato la politica olandese. "L'Europa ha circa 50 organizzazioni che combattono l'aborto, e sono in stretto contatto con il movimento americano. Robbie sa come arrivare al Parlamento europeo". Continua MEP.

Secondo le regole, il Parlamento europeo può decidere di bandire alcune parti interessate, ma come spiegaPolitico, è difficile prestare attenzione a questa richiesta. Le preoccupazioni sono ben documentate, soprattutto a Malta e in Polonia. Entrambi i paesi sono cattolici forti e hanno due membri dell'UE politiche sull'aborto più restrittive, in particolare Malta, il paese del presidente Metzola. Sebbene abbia mantenuto un divieto di aborto in corso in tutti i casi dal 1724, la Polonia ha approvato un divieto de facto molto controverso sui servizi di aborto alla fine del 2020. Roe vs Wade, opinione pubblica e forse ancora più importante, ha confermato la convinzione che le politiche pubbliche potrebbero cambiare. Sono stato il direttore del Centro europeo di diritto e giustizia, Europa, poche ore dopo l'annuncio della decisione della Corte suprema. "L'aborto è ancora un problema e sarà sempre un problema, anche 50 anni dopo il caso Law vs. Wade", ha affermato Gregor Pupink, uno dei più grandi nomi degli sforzi contro l'aborto in Europa.

"La normalizzazione non è possibile". Originario del Quebec e studia giurisprudenza in Francia, Puppinck dirige le basi del diritto da Strasburgo e, con il finanziamento e il sostegno dei sostenitori statunitensi, persegue una strategia ispirata al movimento anti-aborto statunitense. .. Emettendo pareri legali e rappresentando i clienti nei procedimenti, l'ECLJ mantiene leggi su questioni come la libertà religiosa, il sostegno al suicidio e, naturalmente, l'aborto presso la Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU) e altre organizzazioni internazionali.Stiamo promuovendo un'interpretazione generale . ..

Nel corso degli anni, Puppinck ha creato il proprio nome. È un consulente della Città del Vaticano ed è stato premiato dal governo italiano per i suoi servizi legali in una causa riguardante il diritto di appendere una croce in una scuola pubblica. A maggio si è rivolto al Consiglio conservatore per le attività politiche (CPAC) di Budapest contro il socialismo, il postmodernismo e il presidente francese Emmanuel Macron. La versione annuale americana della conferenza è un importante appuntamento politico per il Partito Repubblicano Americano. Non sorprende che l'edizione ungherese, tenutasi nella capitale dell'amministrazione di destra di Victor Orban, abbia aggiunto a Pupink i magnati dei diritti americani, incluso il conduttore di Fox News Tucker Carlson.

Recentemente è emerso un documento che rivela una strategia militante dettagliata chiamataRestoration of Natural Order: European Agenda. Mira a ribaltare le leggi esistenti sui diritti umani fondamentali relativi alla sessualità e alla riproduzione. Diritto al divorzio; per le donne, accesso alla contraccezione, alle tecnologie di riproduzione assistita o all'aborto. Il diritto a cambiare genere o genere senza timore di uguaglianza o implicazioni legali per le persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender e intersessuali. Il primo gruppo di attivisti è cresciuto fino ad attrarre più di 100 organizzazioni anti-diritti umani, anti-diritti delle donne e anti-LGBT+ da più di 30 paesi europei e ora si chiama "Agenda Europa".

Parli dello stesso argomento

In evidenza

Potresti essere interessato