Il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano ha acquisito alcuni manufatti abusivi scoperti, due anni fa, in località Monte a Marina di Camerota.  

Il fatto

In particolare, i carabinieri forestali accertarono la costruzione di un fabbricato di 8,75 metri x 7,40 posizionato su un’area di circa 300 metri quadrati. Era stata inoltre realizzata una pista sterrata di largheggia di circa 4 metri per 48 metri di lunghezza. Le opere erano state realizzate in assenza del necessario nulla osta da parte dell’Ente Parco. Sempre nel 2018, i vertici disposero l’ordine di ripristino e demolizione che però non è stato eseguito poiché, nel frattempo, c’è stato anche un ricorso, rigettato il 16 marzo scorso.  Di qui il nuovo ordine di abbattimento, che allo stesso modo non è stato eseguito. Per questo il  Parco che ha acquisito parte dell’area interessata dagli abusi, ricadente in zona agricola, al proprio patrimonio.

In Evidenza