Italy

Fase 2: Rosato (Ana), 'venerdì ambulanti in piazza per dire no a linee guida governo'

Roma, 19 mag. (Labitalia) – "Ambulanti in piazza, venerdì 22 maggio, nelle principali città italiane per dire no alle linee guida adottate dal governo e per il 3 giugno stiamo organizzando una manifestazione nazionale a Roma". Lo dice all'Adnkronos/Labitalia Marrigo Rosato, segretario nazionale Ana, Associazione nazionale ambulanti. "Dalle ore 16 – sottolinea – in piazza ci saranno diversi presidi, organizzati per rimarcare l'assoluta insoddisfazione della categoria nei confronti delle decisioni adottate dal governo". "Il disagio sociale degli ambulanti – avverte – è molto forte. Le linee guida adottate per la Fase 2 creano forti disparità rispetto ad altre categorie come i centri commerciali ad esempio. Si parla di contingentamento degli accessi nel mercato: si tratta di una regolamentazione che di fatto crea una barriera ai varchi del mercato, con conseguente assembramento esterno di chi aspetta per entrare".

"Non riusciamo a capire – rimarca Rosato – la ragione di questa decisione. All'interno del mercato non si crea assembramento, perché si assiste ad una vera e propria fluidità dei clienti tra i vari banchi. Al contrario l'assembramento si crea eccome all'esterno con tutti i clienti in fila per entrare nell'area del mercato". "Contingentiamo l'ingresso a tutta l'area del mercato con le transenne – fa notare – bene allora lo si dovrebbe fare anche per le strade dello shopping italiane. Pensiamo a via Condotti, via Montenapoleone, via Chiaia: perché non chiudere anche quelle? La verità è che stiamo assistendo ad un'ingiusta disparità di trattamento che penalizza tutti il nostro settore".

"Un'altra cosa – precisa – di cui la categoria non si capacita è che stiamo parlando comunque di aree all'aperto, con un ricambio d'aria naturale e non artificiale.

Ebbene: perché nei centri commerciali il contingentamento non è previsto e viene solo raccomandato il ricambio d'aria artificiale? Nei mercati il ricambio d'aria è naturale, si sta all'aperto non è necessario porsi il problema di cambio e pulizia filtri". "Noi siamo commercianti come gli altri – ricorda il segretario nazionale Rosato – abbiamo diritto alla stessa dignità che viene riservata ai negozianti 'al chiuso'. Siamo pronti con mascherine e distanza di sicurezza a riaprire, ma non con le file fuori. Anche perché il rischio è che le persone non facciano la fila, preferendo acquistare altrove".

Leggi anche

La Sicilia del vino si presenta 'en primeur' per la prima volta in digitale

Lavoro

Roma, 18 mag. (Labitalia) - Edizione insolita, quella del 2020, per l'appuntamento annuale che racconta la Sicilia del vino di qualità. 'Sicilia en primeur', manifestazione organizzata da Assovini Sicilia, che…

Vino: Milano Wine Week torna a ottobre, mix di esperienze digitali e fisiche

Lavoro

Milano, 18 mag. (Adnkronos/Labitalia) - Digitalizzazione e internazionalizzazione. Saranno queste le parole chiave della Milano Wine Week 2020, primo evento del settore agroalimentare italiano a segnare una svolta decisiva accelerando…

Vino: la Sicilia si presenta 'en primeur' per la prima volta in digitale

Lavoro

Roma, 18 mag. (Labitalia) - Edizione insolita, quella del 2020, per l'appuntamento annuale che racconta la Sicilia del vino di qualità. 'Sicilia en primeur', manifestazione organizzata da Assovini Sicilia, che…

Coronavirus: everis, per 100 pmi aiuto a 360 gradi per smart working

Lavoro

Milano, 18 mag. (Labitalia) - "Everis Italia, nell’attuale situazione in cui rapidamente tutte le imprese si sono dovute adattare ad un nuovo mondo lavorativo, alle prime 100 pmi italiane che…

Football news:

Showsport sostiene il giornalista Ivan Safronov, accusato di tradimento. E ' un caso molto sospetto
Mario Gomez, Pizarro, Emre, Lomberts e altri eroi che hanno concluso la carriera questa estate
Dyer è squalificato per quattro partite per rissa con un fan sul podio
Georginho non è contento di non giocare molto al Chelsea. Sarri vuole invitarlo alla Juventus
La storia folle di un giudice che ha dimenticato le regole e ha messo 16 calci di rigore in più. Tutto a causa delle nuove regole della serie
Havertz ha detto a Bayer che voleva andarsene. Chelsea è pronto a pagare per questo 70 + 30 milioni di euro
Spartacus-Lokomotiv: chi vincerà?