Italy

Genova, nuovi centri per i vaccini agli over 80: aprono Cornigliano e via Cesarea

Genova - La sede di Confcommercio salute in via Cesarea, in centro, con 120 slot al giorno. E Villa Bombrini a Cornigliano per una cinquantina. Sono i due centri vaccinali per over 80 che si aggiungeranno presto a quelli oggi già attivi sul territorio genovese. Mentre in provincia la Asl3 conta di aprire centri di competenza comunale anche per Uscio, Bogliasco e Camogli. E a Sestri Ponente anche l’ospedale Micone passerà ai vaccini per gli ultraottantenni una volta ultimate le altre categorie in corso (lavoratori della sanità).

Sono alcune delle novità annunciate ieri dal direttore generale della Asl3 Luigi Carlo Bottaro: «Adesso la nostra capacità solo per le strutture di Asl3 è di circa mille vaccini al giorno. Con gli ospedali (Galliera, Evangelico, Gaslini e San Martino)arriviamo a 1500. Ma dall’8 marzo saliremo a circa 2200 vaccinazioni giornaliere».

Questo per quanto riguarda la vaccinazione degli over 80. Ma Bottaro ha anche parlato delle strutture che saranno utilizzate nella fase 2 (dedicata ai settantenni e ai pazienti fragili): «Pensiamo a grandi hub per fare i grandi numeri come il Palamare di Pra’, il Padiglione Jean Nouvel alla Fiera, i Magazzini del Cotone, e un’altra struttura a Levante (Quarto) in drive through per salire sino a 4 mila somministrazioni giornaliere».

Intanto, ieri hanno aperto il Sant’Antonio di Recco per il Golfo Paradiso, i centri di Busalla e Casella e la Colletta ad Arenzano. E oggi sarà la volta di Bargagli. A preoccupare, però, è l’esiguità delle cosiddette filiere vaccinali che – stando a quello che dicono i sindaci - sono troppo poche.

Ieri nel Golfo Paradiso sono stati fatti 30 vaccini, mentre sono stati 42 ciascuno a Busalla e Casella, 36 a Rossiglione per la Valle Stura e 42 a Torriglia. Quelli di Bargagli, oggi, saranno 24. In tutte queste postazioni dedicate è allestita una sola linea vaccinale, composta dal numero canonico di sette addetti tra medici, infermieri e miscelatori. «Ce ne vogliono almeno il doppio, che lavorano in contemporanea – dice il primo cittadino recchese Carlo Gandolfo – per avere una sessantina di persone vaccinate al giorno». Una richiesta evidenziata anche da Katia Piccardo (sindaco di Rossiglione) e Sergio Casalini (primo cittadino di Bargagli).

Covid e scuole: 56 classi in quarantena

L’ultimo allarme, è scattato alla scuola primaria Embriaco, in centro storico. Su tredici classi, due – ciascuna con poco più di venti alunni - sono finite in quarantena. Le preoccupazioni dei genitori si sono fatte sentire, forti. Il dirigente dell’Istituto Comprensivo Centro Storico Michael Pedrelli rassicura e precisa: «Noi, come sistema scolastico, stiamo alle direttive dell’Asl e facciamo da tramite nelle comunicazioni alle famiglie nel modo più tempestivo possibile».

All’Embriaco si è a rischio cluster? Luigi Canepa, direttore del consultorio e responsabile del gruppo scuola Covid Asl3 esclude l’ipotesi di chiusura del plesso.«Non c’è una situazione di grave allarme di tipo epidemiologico o infettivo». L’Asl3 predisporrà, comunque, uno screening a tappeto – in tempi brevi – per scovare anche eventuali asintomatici.

Allargando lo sguardo, ai dati complessivi: nel territorio dell’Asl3 genovese le classi in quarantena a oggi sono 56. Di queste: 9 riguardano realtà delle scuole dell’infanzia, 12 sono della primaria, 14 delle scuole medie, 8 sono istituti tecnici superiori e 13 sono classi del liceo. Una settimana fa la quarantena riguardava, invece, 63 classi. Un dato importante è l’analisi che l’Asl3 sta facendo per capire se, nelle classi finite in quarantena c’è un positivo solo o più di uno.

«Su 30 classi analizzate l’84 per cento sono monopositive. E in una, dove sono risultati quattro alunni con il Covid-19, il contagio non è avvenuto tramite la scuola ma per una festa di compleanno. Lo sostengo sempre più convintamente: il veicolo di contagi non è la scuola, sono i comportamenti sbagliati. È necessario rispettare le regole in maniera ferrea».

Nelle scuole superiori, nelle ultime settimane l’Asl3 ha portato avanti i tamponi al liceo Mazzini e al liceo Cassini di Genova: «I risultati? Tutti negativi». 

(Ha collaborato Edoardo Meoli)

Football news:

Sulscher e Shaw non saranno puniti per le parole sugli arbitri dopo la partita con il Chelsea
David De Gea: il Manchester united deve battere club come il Chelsea per vincere trofei
In atletica hanno fondato un gruppo ska-punk (allenatore fanateet). Nelle classifiche di calcio e così strettamente-ricordiamo altri giocatori-musicisti
Barcellona è pronta a vendere Griezmann per 60 milioni di euro, ma non riesce a trovare acquirenti (OK Diario)
Tottenham terrà la prima partita con la dinamo a Londra, di ritorno-a Zagabria
Alaba ha negoziato con al-Helaifi. Il PSG è pronto a garantirgli un posto nel cuore del centrocampo, il Real - no
Font sulla detenzione e le ricerche di Bartomeu: un giorno di tristezza per i fan di barca. Un altro esempio di comportamento suicida dal club