logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo logo
star Bookmark: Tag Tag Tag Tag Tag
Italy

Iran, possibili negoziati internazionali in vista

Non si placano i disordi internazionali legati all’attuale crisi in corso tra USA e Iran. Oltre alle complicazioni dovute all’abbattimento del velivolo di linea ucraino, costato la vita a oltre 150 civili, ad alimentare le difficoltà in terra iraniana ci hanno pensato anche le rivolte interne e le proteste del popolo, parzialmente soffocate e represse dalle forze dell’ordine.

Le novità più recenti, infatti, riguardano proprio l’insorgenza popolare in merito alle proteste per la crisi in atto. Il popolo iraniano teme per l’eventualità che si verifichi un’escalation internazionale che non porterebbe a nulla di buono. Tuttavia, stando alle notizie dell’ultima ora, l’Iran sarebbe sul punto di cedere al negoziato.

Il cambio di rotta iraniano si è verificato per motivi differenti. Oltre alle proteste della popolazione, a spingere il governo dell’Iran a pensare a eventuali trattative ci hanno pensato le sanzioni internazionali inflitte allo Stato. Sanzioni che, in un modo o nell’altro, potranno gravare sull’economia iraniana in maniera non indifferente.

La notizia della possibilità imminente di giungere a un negoziato, però, non sembra toccare minimamente Trump. Il presidente USA, infatti, ha fatto sapere tramite Twitter che, nell’eventualità in cui l’Iran sceglierà la via della negoziazione, non gli importerebbe minimamente.

Negli ultimi tweet del presidente, tra le altre cose, trapelano anche i timori del governo USA di possibili ritorsioni militari sul popolo iraniano, coin le forze dell’ordine dello stato mediorientale che potrebbe adottare misure eccessive dal punto di vista della repressione delle rivolte.

A testimonianza della delicatezza della situazione popolare iraniana, è sufficiente evidenziare come nella giornata di domenica 12 gennaio sia stato arrestato, seppur per un breve arco di tempo, l’ambasciatore britannico Rob Macaire. L’accusa, stando alle autorità iraniane, era quella di istigazione alle proteste. Macaire ha negato qualsiasi collegamento tra lui e le rivolte in atto. Si attendono nuovi sviluppi relativi al mutare della situazione internazionale.

Themes
ICO