Italy

Iran, quarta misteriosa esplosione in un sito legato al programma nucleare

GERUSALEMME - Una nuova esplosione si è verificata sabato pomeriggio in Iran, questa volta nella centrale elettrica di Zargan nella città di Ahvaz, il capoluogo della regione del Khuzestan nel sud del Paese. Si tratta della quarta misteriosa esplosione verificatasi in Iran nell'arco di una settimana. Come per le altre tre deflagrazioni, anche in questo caso la reazione ufficiale iraniana è stata che si è trattato di un incidente, questa volta legato allo scoppio di un trasformatore causato dal caldo torrido.

Ma le voci che indicano si possa trattare di un sabotaggio straniero si fanno sempre più insistenti. Nel caso di almeno due delle tre precedenti esplosioni, i siti colpiti erano strutture legate al programma nucleare iraniano. Anche nel caso di oggi, fonti legate all'opposizione iraniana sostengono che la centrale di Ahvaz fornisca elettricità alla vicina centrale nucleare di Darkhovin, uno degli impianti più recenti, mai ispezionato dall'Agenzia Internazionale per l'Energia Atomica.



Ieri la Reuters ha riportato i commenti di tre funzionari iraniani, che hanno parlato in condizione di anonimato, secondo cui le esplosioni "sarebbero il risultato di un cyberattacco, probabilmente israeliano". E giovedì il Generale Gholamreza Jalali, a capo dell'Organizzazione per la difesa civile iranana, ha dichiarato alla TV di stato: "Se venisse dimostrato che il nostro Paese è stato preso di mira da un attacco informatico, risponderemo".

Ieri il giornale del Kuwait Al Jarida ha scritto che l'esplosione di giovedì mattina - che ha colpito una fabbrica di centrifughe di nuova generazione, adiacente all'impianto per l'arricchimento di uranio di Natanz -  è opera di un cyberattacco israeliano. Mentre quella avvenuta il 26 giugno, che immagini satellitari indicano abbia colpito la base missilistica di Khojir alla periferia di Teheran, sarebbe il risultato del bombardamento da parte di aerei F-35 israeliani, sempre secondo il quotidiano kuwaitiano che si basa su fonti anonime.



Da Israele nessun commento. L'ultimo riferimento all'Iran si è sentito per bocca del premier Benjamin Netanyahu martedì, a seguito dell'incontro con l'inviato speciale di Trump per l'Iran, Brian Hook, giunto a Gerusalemme dopo una visita in Arabia Saudita, altro Paese che guarda con preoccupazione al programma nucleare della Repubblica Islamica. Netanyahu, durante la conferenza stampa congiunta aveva affermato: "L'Iran continua a portare avanti il programma nucleare mentendo alla comunità internazionale. La minaccia iraniana è seria e non può aspettare il post-Corona". Era un chiaro riferimento alla dichiarazione del collega di governo, il ministro della Difesa Benny Gantz, secondo cui l'estensione della legge israeliana su parte della Cisgiordania - di cui si sarebbe dovuto iniziare a discutere in parlamento dall'1 luglio - non era una priorità e che in questo momento il governo si deve occupare della crisi economica causata dalla pandemia.
E forse non è un caso se la questione dell'annessione è decaduta dall'ordine del giorno, almeno per il momento: l'attenzione potrebbe ora doversi concentrare sul dossier Iran.

Football news:

Quique Setien: non pensavo che la partita contro il Napoli potesse essere l'ultima per me a capo del Barça
Dove si è fermata la Champions League: Sarri rischia di volare da Lione, e il Real Madrid è fuori dalla città
Josep Bartomeu: Messi è il miglior giocatore della storia. Vuole restare a barca
L'ex direttore di Valencia sul trasferimento Ronaldo: nel 2006, il club ha concordato con il suo agente e sponsor, ma l'accordo non ha avuto luogo
Klopp, Lampard, Rogers e Wilder rivendicano il premio come miglior allenatore della Premier League, Pep No
Gli autori di Showsport scelgono il vincitore della Champions League: Cherniavsky-per Lipsia, Muijnek crede nel Real Madrid 🤪
Trent, Rashford, Marzial e Greenwood rivendicano il premio come miglior giovane giocatore della stagione APL