Italy

La vita di Patrick, donatore di midollo, è cambiata il 24 maggio 2019: "Con un giorno regali anni e speranza a qualcuno che nemmeno conosci"

TRENTO. "Sono donatore da quando avevo vent'anni, ora ne ho trentadue quindi sono donatore da 12 anni", inizia così il racconto di Patrick Scarpari di Vezzano che, lo scorso anno, ha ridato speranza (e vita) ad una persona che, di speranze, non ne aveva più. 

La vita di Patrick è cambiata il 24 maggio dello scorso anno, il giorno della donazione. "Non riuscirò mai a dimenticare l'emozione del momento in cui ho ricevuto la chiamata di Admo. Ero compatibile, tra milioni di persone. Non riesco a descrivere quello che ho provato in quel momento".

Patrick era nelle liste donatori di Admo alle quali ci si può iscrivere grazie ad un normale prelievo di sangue. Non occorre impegnativa medica, ma è necessario presentarsi presso il laboratorio che effettua il prelievo con il codice fiscale o con il libretto sanitario. Dopo un colloquio informativo e dopo aver firmato il consenso informato e l'adesione al Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo (IBMDR), i risultati della tipizzazione HLA (dati genetici indispensabili al trapianto) vengono inseriti in un archivio informatico e trasferiti attraverso il registro regionale, al registro nazionale che è a sua volta collegato con altri 58 registri internazionali, nell'assoluto rispetto della riservatezza. Il donatore, se lo desidera, può anche iscriversi, del tutto gratuitamente, all'Associazione Donatori Midollo Osseo (Admo).

In caso di riscontro di un primo livello di compatibilità con un paziente in lista d'attesa per un trapianto, il donatore è richiamato per ulteriori prelievi di sangue necessari per indagini genetiche più approfondite. E così è successo anche a Patrick.

"E' raro trovare un donatore compatibile. Dopo la prima chiamata - racconta - sono stato sottoposto ad ulteriori controlli e, in ogni fase, sono stato seguito benissimo".

L'adesione iniziale firmata all'atto del primo prelievo ha solo "valore morale" e fino all'ultimo momento il potenziale donatore può ritirare il suo consenso (è facile, tuttavia, immaginare le conseguenze di un tale gesto per il paziente in attesa). Tutto ciò rende chiaro che il potenziale donatore di midollo osseo è un donatore atipico: diventa tale soltanto nel caso di compatibilità con un paziente. Non si sa quando. Non si sa per chi. La sua disponibilità, gratuita ed anonima, non ha limiti geografici. Egli, infatti, entra a far parte dell'insieme dei potenziali donatori di tutto il mondo.

II donatore di midollo osseo è uno dei pochi donatori che, una volta chiamato a rispondere della propria disponibilità, ha la consapevolezza di poter contribuire al tentativo di salvare una vita di un individuo preciso, spesso quella di un bambino.

"Quattro giorni prima del prelievo ho iniziato una cura con delle punture in pancia per incrementare le cellule staminali. Io, infatti, sono stato sottoposto ad un tipo di prelievo particolare e nuovo".

Come ci spiega Patrick, esistono infatti due modalità di donazione. La prima, la più "antica", consiste nel prelievo di midollo osseo dalle creste iliache posteriori. Il prelievo avviene nel più vicino centro autorizzato, in anestesia generale o epidurale, con un intervento della durata media di circa 45 minuti. La seconda modalità, invece, quella a cui è stato sottoposto Patrick, consiste nella donazione mediante separatori cellulari: il sangue, prelevato da un braccio, attraverso un circuito sterile entra in una centrifuga dove la componente cellulare utile al trapianto viene isolata e raccolta in una sacca, mentre il resto del sangue viene reinfuso dal braccio opposto. Questa modalità di donazione prevede la somministrazione di un farmaco nei 3-4 giorni prima della donazione. Il farmaco è un "fattore di crescita" che ha la proprietà di rendere più rapida la crescita delle cellule staminali e di facilitarne il passaggio dalle ossa al sangue periferico.

"La cosa bella e che ricordo con gioia è la tranquillità che mi ha accompagnato prima e durante la donazione. Sono stato seguito passo passo, non sono mai stato lasciato solo e tutti si preoccupavano del mio benessere. Anche la donazione in sé non fa male. La sera stavo benone e sono andato a bermi una birra (ride, ndr). Nessun dolore, nessun fastidio, niente di niente".

Patrick, poi, ci racconta un particolare di quel giorno, un particolare che non scorderà mai. "Il giorno della donazione ho visto il corriere, arrivato a prendere la mia sacca. Parlava inglese e doveva fare in fretta. C'era il taxi, sotto, ad aspettarlo per portarlo all'aeroporto. Ho la pelle d'oca a raccontarlo. Non lo dimenticherò mai, davvero".

"Credo - continua - che ci sia ancora un po' di disinformazione riguardo la donazione di midollo osseo. Io stesso, prima di iscrivermi, mi immaginavo il prelievo dalla schiena con tutti i rischi del caso. Ma non è nulla di tutto ciò. Ripeto: la salute e il benessere del donatore sono sempre messi al primo posto. Prima e durante la donazione vieni seguito passo per passo. E, poi, puoi tirarti indietro fino all'ultimo. Ma sai che con la tua donazione dai una possibilità di vita ad un paziente per il quale la donazione è spesso l'ultima spiaggia".

"Sono stato anche nelle scuole - conclude Patrick - per fare informazione con Admo, perché è importante. Alla fine, per un donatore, sono piccoli gesti. Cosa 'butti via' in fondo? Un giorno della tua vita e magari regali dieci anni ad una persona che nemmeno conosci. Magari ad un bambino, che può tornare a vivere. Pensa anche a lui o a lei. Una donazione può davvero cambiare la vita a chi, speranze, non ne ha quasi più. Quel 24 maggio non lo scorderò mai, davvero".

Football news:

Barcellona ha rifiutato di vendere per 60 milioni di Euro Trincau, acquistato da Braga per 31 milioni nel Club su di lui contano
Chelsea affronterà Everton per regilon. Il Real Madrid è pronto a venderlo
Espanyol ha chiesto alla Liga di annullare la partenza. I catalani camminavano nella zona di partenza con il quinto turno
L'Inter non ha ancora deciso il futuro Conte. Tutti decideranno dopo L'Europa League
Haji ha lasciato il posto di allenatore Viitorul
Karim Benzema: giocare a Ronaldo mi ha fatto amare il calcio
Sanchez romperà il contratto con il Manchester United e andrà all'Inter gratuitamente. Riceverà 7 milioni di euro all'anno