Italy

Luna, 50 anni fa lo sbarco – Le cose che non sapete (davvero) sulla missione dell’Apollo 11

Scienza

Luna, 50 anni fa lo sbarco – Le cose che non sapete (davvero) sulla missione dell’Apollo 11

A 3 minuti dall’inizio della discesa, Armstrong e Aldrin si accorsero che stavano oltrepassando i punti di riferimento troppo in fretta e che quindi avrebbero superato il punto di allunaggio e avevano solo 45 secondi di combustibile

Per Neil Armstrong, Mike Collins e Buzz Aldrin, il viaggio verso la Luna iniziò negli alloggi dell’equipaggio, quando i tecnici della Nasa collegarono i caschi alle loro tute isolandoli dal mondo esterno. Era l’alba del 16 luglio 1969. Saliti con l’ascensore lungo i 97 metri di altezza del razzo Saturn V, gli astronauti si lasciarono scivolare attraverso il portello del modulo di comando dell’Apollo 11, denominato Columbia. Armstrong sedeva a sinistra, nel posto del comandante. Collins, pilota del modulo di comando, era sul sedile di destra, mentre Aldrin, pilota del modulo lunare (LEM) Eagle, sedeva al centro.

Neil Armstrong

Per i primi tre minuti di volo gli astronauti non videro niente dai finestrini, a causa degli schermi che proteggevano il modulo di comando. Poi poterono ammirare la chiazza blu del cielo trasformarsi nel nero dello spazio. Due ore e mezza dopo il decollo, Apollo 11 puntava dritto verso il nostro satellite, alla velocità di 39000 chilometri orari, grazie alle 100 tonnellate di spinta del propulsore del terzo stadio del Saturn V. Nel corso dei tre giorni di viaggio, la navicella, ancora soggetta all’attrazione terrestre, rallentò la propria corsa fino alla velocità minima di 3 chilometri orari, per poi finalmente essere catturata dalla forza del grande corpo celeste che illumina le nostri notti. 

CLICCA QUI SOTTO PER LEGGERE LE PAGINE SUCCESSIVE
A cura di Giovanna Trinchella

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cancro, due pazienti sono guariti grazie alla Car-T e alle donazioni. Ora vogliamo di più

prev

Articolo Successivo

Luna, viaggi turistici e colonie destinate alle industrie? I visionari Elon Musk e Jeff Bezos si sfidano per la conquista

next
meteo

Navigazione articoli

Football news:

Chelsea ha perso con una differenza di almeno 3 gol in Premier League per la prima volta in 11 mesi
Messi ha segnato 20 + 20 punti per la stagione in campionato e ha ripetuto il risultato di Henri. Nel XXI secolo, lo facevano solo loro
Lehi ha vinto il campionato polacco per la quarta volta in cinque anni. Ha ripetuto il record di campionato per i titoli (14)
La lazio ha perso 3 partite consecutive e può cedere il 2 ° posto in Serie A se Atalanta vince la Juve
Un dipendente di Parma ha un coronavirus. La squadra è isolata alla base, ma continuerà a giocare nel campionato
Calida Kulibali: Napoli non va a Barcellona come turista. Siamo in grado di combattere
Il PSG ha esteso il contratto con Kimpembe fino al 2024