Italy

Matteo Salvini, la carta segreta per sbaragliare l'Emilia Romagna: i sindaci "socialisti" della Lega

Matteo Salvini ha deciso di giocarsi la carta della buona amministrazione nel rush finale per le elezioni delle regionali in Emilia Romagna. La Stampa, in edicola mercoledì 22 gennaio, ha raccontato chi sono i due sindaci leghisti di Vignola e di Bondeno che hanno segnato le prime eclatanti sconfitte degli eredi del Pci in provincia di Modena e di Ferrara. "Ma appena ci sediamo a parlare con Simone Pelloni e Fabio Bergamini (i due sindaci, ndr) rimaniamo spiazzati", scrive Amedeo La Mattina.

"Entrambi si definiscono socialisti, mentre quelli della Ztl, i capi e gli amministratori del Pd non hanno più il polso del popolo, degli agricoltori, degli operai, degli imprenditori delle piccole aziende. Il trentatreenne Pelloni è stato eletto al primo turno tre anni fa (51,9%) con una Lega che a Vignola è passata dal 5% al 34% delle europee.  Bergamini, sindaco quarantenne di Bondeno, ha fatto una tesi laurea sul Corano e ha lavorato dieci anni allo sportello unico sull'immigrazione della prefettura di Ferrara. "Con il decreto flussi era tutto più chiaro: la domanda e l' offerta regolava il flusso di immigrati. Oggi invece chi arriva non sai dove metterlo e devi dargli il permesso di soggiorno".