Italy

Preso il presunto assassino di Daniele e Eleonora: è uno studente di 21 anni

Ha 21 anni ed è uno studente di scienze infermieristiche, originario di Casarano, il presunto omicida di Daniele De Santis e Eleonora Manta, i fidanzati uccisi lunedì sera a Lecce. Lo ha detto il procuratore capo Leonardo Leone De Castris. 

Antonio De Marco è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto.

Il 21enne è accusato di aver ucciso a coltellate Daniele De Santis, 33 anni, arbitro, e Eleonora Manta, 30 anni, impiegata.

L'unica cosa che non sarebbe stata possibile ricostruire, secondo l'impostazione accusatoria, è il movente come ammesso dallo stesso procuratore capo della Repubblica del tribunale di Lecce Leonardo Leone De Castris. ''Questo per noi ha rappresentato una grande difficoltà iniziale - ha continuato - perché, senza movente, è difficile stabilire quale sia la pista da imboccare''. La tesi dell'accusa sarebbe comprovata da "dati tecnici, la visione delle immagini delle telecamere di videosorveglianza, le intercettazioni e la comparazione grafica".

Secondo quanto riportato da Lecceprima si tratterebbe di un ex inquilino, fino ad agosto scorso, dell'appartamento.

omicidio lecce-4

Antonio De Marco sarebbe quindi quel "soggetto vestito di nero, con cappuccio e guanti - immortalato dalle videocamere di sorveglianza - con un coltello che dovrebbe essere da sub e uno zaino giallo in spalla".

Un soggetto che non ha lasciato nulla al caso. Abile, svelto, preparato nel suo piano perverso, ma pure non esente da errori. La mappa persa per strada nella fuga in cui erano elencate le azioni da compiere è un tassello importante in mano ai carabinieri. E, al di là di ciò che trapela con il contagocce, non è affatto detto che non esistano fotogrammi che abbiano ripreso in maniera più nitida il volto dell’assassino.

daniele de santis eleonora manta foto killer-2

Non si sa, ovviamente, quali siano tutti gli elementi precisi in possesso gli investigatori, ma i rilievi, eseguiti nell’abitazione, dove è iniziata la lotta furiosa fra il killer e la coppia, sul pianerottolo dove lei è deceduta e sulla rampa di scale, dove lui ha perso la vita, hanno portato al prelevamento di numerosi campioni e tracce biologiche. E, dato che più inquilini dello stabile hanno udito chiaramente rumore di mobili che si spostavano e varie voci intrecciarsi in un crescendo di tono, si presume che lo stesso assassino, obbligato a tenere a bada ben due persone, per quanto armato, possa essere rimasto ferito o graffiato. Dunque, potrebbe esservi anche materiale biologico suo, ora, nei laboratori del Ris. Il condizionale, in questo caso, è quantomai d’obbligo.         

Un’altra tessera del puzzle che si aggiunge in queste ore è poi la testimonianza di un residente di una palazzina vicina. Un uomo, che ogni mattina e ogni sera scende con il cane. Ebbene, avrebbe visto l’assassino in fuga, guardarsi più volte alle spalle, percorrere via Martiri d’Otranto a passo svelto in direzione contraria, rispetto a viale Oronzo Quarta (dove si trova la stazione ferroviaria), cioè verso via Armando Diaz. Il che potrebbe collimare con quel fotogramma pubblicato nei giorni scorsi di un soggetto vestito grossomodo come da descrizioni, di nero, con cappuccio e zaino di colore chiaro in spalla, mentre volge verso via Rudiae, in corrispondenza del sottopasso ferroviario. E ora, ecco la mossa finale. Per quanto ci abbia provato, l'assassino, a mettere a segno l'omicidio perfetto, ha lasciato sicuramente troppi segni del suo passaggio.  E i carabinieri l'hanno incastrato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Play

Replay

Play Replay Pausa

Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio

Indietro di 10 secondi

Avanti di 10 secondi

Spot

Attiva schermo intero Disattiva schermo intero

Skip

Attendi solo un istante

, dopo che avrai attivato javascript

...
Forse potrebbe interessarti

, dopo che avrai attivato javascript

...

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Sabato si erano tenuti i funerali dei due giovani: Eleonora, per volontà della madre, è stata sepolta con l'abito da sposa; Daniele salutato, all'uscita dalla chiesa, dal triplice fischio di centinaia di arbitri.

Football news:

Josep Bartomeu: non avevo idea di dimettermi. Il Barça avrà trofei in questa stagione
Hazard è pronto. Siamo felici, questa è una buona notizia
Zidane sulle parole di Isco: è ambizione. Tutti vogliono giocare
Bartomeu about VAR: la partita contro il Real Madrid ha messo un rigore inesistente. Abbiamo bisogno di un giusto calcio
Ian Wright: è un peccato che Ozil non stia giocando, ma la tenacia di Arteta ammira
Josep Bartomeu: era importante iniziare una nuova era del Barça con Messi. Gli Interessi del club prima di tutto
Spider-Man è una cheerleader di Barcellona. Tom Holland è stato fotografato con una maglietta catalana