Italy

Telegram oscura il canale Basta Dittatura, la chat No Vax seguita da oltre 40mila persone

Cronaca

Telegram oscura il canale Basta Dittatura, la chat No Vax seguita da oltre 40mila persone

Nelle scorse settimane, la Procura di Torino aveva emesso un decreto di sequestro dopo che erano stati pubblicati indirizzi e numeri di telefono di figure istituzionali, medici e redazioni di numerosi quotidiani: i magistrati avevano richiesto la "collaborazione volontaria" degli amministratori della società che ha sede a Dubai. Ora non è più visibile per "violazione dei termini del servizio"

Telegram ha oscurato il canale Basta Dittatura, la chat utilizzata dai No Vax e No Green Pass per autoconvocarsi alle manifestazioni, ma finita anche sotto la lente d’ingrandimento dei magistrati dopo dopo che erano stati pubblicati recapiti di telefono di Palazzo Chigi, del governatore del Piemonte, Alberto Cirio, e altri politici e di noti virologi. “Questo canale non può essere visualizzato perché ha violato i Termini di Servizio di Telegram”, è quanto si legge dalla notte tra lunedì e martedì se si tenta di accedere al canale.

Nelle scorse settimane, la Procura di Torino aveva emesso un decreto di sequestro dopo che erano stati pubblicati indirizzi e numeri di telefono di figure istituzionali, medici e redazioni di numerosi quotidiani. La stessa pm che indaga era finita nel mirino della chat. I magistrati avevano richiesto la “collaborazione volontaria” degli amministratori di Telegram, società che ha sede a Dubai. I reati ipotizzati dai magistrati torinesi erano istigazione a delinquere e violazione della privacy. C’erano state inoltre le minacce anche ai ministri degli Esteri e della Salute, Luigi Di Maio e Roberto Speranza. Sempre questa notte è stata oscurata anche la pagina Basta Dittatura Chat, popolata da oltre 7mila utenti. L’incitazione alla violenza configurerebbe la violazione dei termini di servizio della piattaforma fondata da Pavel Durov.

Come raccontato a fine agosto da Ilfattoquotidiano.it, le iniziative del canale Telegram avevano ormai superato la protesta sui social arrivando allo stalking e fomentando comportamenti illegali. In primis le minacce al governo e ai politici, passando per medici e giornalisti. “Dobbiamo andare a prenderli a casa”. “Facciamoli cagare addosso”. “Impaliamola viva”. “Alla gogna in piazza”. Si leggeva nella chat – che con lo scambio di numeri telefono aveva importunato con decine di telefonate anche Matteo Bassetti e Fabrizio Pregliasco – dove qualcuno aveva anche parlato di “proiettili” per Speranza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Migranti, maxi sbarco a Lampedusa: oltre 600 persone arrivate su un peschereccio in ferro. Più di 1000 presenze nell’hotspot – Video

next
meteo

Football news:

Allenatore Angera su 1:2 con PSG: sostengo var, corregge il 70-80% degli errori. Ma è brutto quando sei in questo 20%
Real Madrid è disposto a pagare Pogba 14 milioni di euro all'anno, il Manchester United - 20 milioni di Centrocampista può ritirarsi dal club inglese in estate gratis
Pochettino su 2-1 con Anger: Mbappe decide il risultato quando il PSG ne ha bisogno
E mostrare che cos'è un calcio d'asino nel calcio? 50 Anni fa, L'Inghilterra ha segnato il miglior gol della stagione
Sulscher sulle parole di Ferguson su Ronaldo: tutti vogliamo vedere Cristiano sul campo per la sua unicità. Ma non può giocare in ogni partita
Pep sulla richiesta di rimanere in cima: la gente mi giudica non per i trofei, ma per quello che sarà domani
Joan Laporta: la Super League è viva, sostituirà la Champions League. Juve, Real Madrid e Barcellona continuano a vincere in tribunale