Italy

Usa2020. Trump potrebbe non partecipare all'Inauguration Day, nuova accusa di brogli

Washington

Il presidente uscente usa ancora twitter per fare nuove accuse di brogli sul voto alle ultime presidenziali e indiscrezioni alla Casa Bianca parlano di una sua non partecipazione al giorno dell'insediamento dello sfidante Biden

di Antonella Alba 02 dicembre 2020Dopo la guerra all'ultimo riconteggio dei voti delle elezioni e il manifesto rifiuto di accettare la vittoria del suo rivale, forse nessuno si sorprenderebbe se Donald Trump non partecipasse all'Inauguration Day cioè alla cerimonia di insediamento del neo presidente eletto Joe Biden.

E infatti potrebbe essere proprio così. Donald Trump potrebbe non presentarsi alla Casa Bianca il prossimo 20 gennaio giorno del giuramento davanti agli americani dello sfidante dem. Sembra che il tycoon stia seriamente pensando di saltare il rituale evento, è ciò che avrebbe lasciato intendere la portavoce Kayleigh McEnany "Lascio la risposta al presidente. Non intendo speculare sulla decisione del presidente", mentre si fa sempre più insistente la voce che Trump sia intenzionato ad annunciare la decisione di ricandidarsi alla presidenza nel 2024. "Ci vediamo tra quattro anni" va ripetendo da giorni ai suoi 74 milioni di elettori che lo hanno favorito, ma non lo hanno fatto ancora vincere.

E non demorde sull'accusa di brogli durante il voto, pubblicando ancora un video su Twitter in cui punta il dito contro il Partito Democratico e di sostenere invece la difesa del sistema elettorale americano gravemente e democraticamente sotto attacco - a suo dire - dall'anticipare troppo in fretta chi sia il vincitore, senza fare le necessarie verifiche sul voto negli Stati. "Questo è l'intervento forse più importante che io abbia mai fatto fin ora" ha detto:

Ma prima di lasciare il presidente uscente ha molte cose da fare specie col suo Partito Repubblicano, per il Republican National Committee (RNC), il comitato direttivo del partito repubblicano, che annuncia un "rally della vittoria" sabato in Georgia che lo vedrà a fianco dei due candidati del Grand Old Party in corsa per il Senato ai ballottaggi del 5 gennaio. Le due sfide decideranno il controllo della Camera Alta. Si tratta del primo comizio di Trump dall'Election Day.

Tutto questo mentre dall'altra parte del mondo secondo fonti del dipartimento di Stato ha già avviato il ritiro della metà dei diplomatici dall'ambasciata americana a Baghdad anche a causa delle tensioni con l'Iran e in vista del primo anniversario dell'uccisione, da parte di un drone americano, del generale iraniano Qassem Soleimani, considerato un leader di fondamentale importanza nel Paese del M.O.. La riduzione del personale dovrebbe essere in teoria temporanea ma viste le crescenti tensioni con Teheran non è chiaro quanto durerà.

Per quanto riguarda la spina nel fianco del presidente da alcuni considerata la vera ragione della sua sconfitta elettorale e cioè la pandemia da Covid- 19, entro la fine del mese di febbraio l'amministrazione Usa ha in programma di lasciare in dote due tipi di vaccini diversi della Pfizer-BioNTech e un numero di dosi sufficienti a far stare tranquilli 100 milioni di cittadini statunitensi, "che vuol dire più o meno la quota della popolazione a rischio, le persone anziane, i professionisti della sanità", ha spiegato l'alto responsabile dell'operazione Warp Speed del governo americano.  

Football news:

Presidente Atletico:sempre saputo che Suarez è la migliore prima linea in Europa
Mourinho su Bale: il tempo di gioco non è dato, deve essere guadagnato
Recentemente, Leo ha posato con Bartomeu e ha ospitato milioni, ma poi Barcellona si è rotta. Perché?
West Ham ha offerto 33 milioni di euro per EN-Nesiri. Siviglia ha negato
Gattuso di 1:3 con Verona: Così non si gioca, se il Napoli vuole tornare in champions league
Sobolev su Tedesco in Spartacus: forse finiremo bene la stagione e vorrà rimanere
Il Liverpool è vicino al trasferimento dell'attaccante Dell'Inghilterra U16 Gordon per 1 + milioni di sterline