Nessun caso di coronavirus in Italia. La donna italiana, residente nel Parmense, di ritorno da Wuhan, località cinese epicentro della diffusione del virus, è stata colpita, secondo le prime analisi, da un virus influenzale di tipo B che niente ha a che vedere con l’epidemia che sta mietendo vittime nel Paese asiatico. Tornata in Italia, la donna ha accusato lievi sintomi d’infezione alle vie respiratorie. Ricoverata nel reparto di malattie infettive dell’Ospedale Maggiore di Parma, è in buone condizioni di salute.

Il laboratorio dell’istituto di Igiene dell’Università di Parma che ha svolto le analisi su tampone orofaringeo della donna ha rivelato che i sintomi accusati dalla paziente non sono collegati all’epidemia cinese. Si attendono comunque ulteriori accertamenti da parte dei laboratori di riferimento per escludere la presenza di coronavirus.

Le Aziende sanitarie di Parma hanno comunque attivato tutte le procedure previste. Il caso è solo sospetto, precisava l’istituto in una nota, e come previsto in questi casi e in via del tutto precauzionale Azienda ospedaliero-universitaria e Azienda Usl di Parma avevano adottato tutte le misure stabilite dal ministero della Salute e dalle autorità sanitarie regionali.

Il primo allarme per possibile infezione da coronavirus era scattato giovedì sera a Bari per i sintomi accusati da una cantante tornata poco prima dalla Cina. Tutto era rientrato poche ore dopo, quando gli accertamenti hanno escluso che si trattasse di un virus, ma di un batterio, il micoplasma.

Il coronavirus “2019-nCov” ha già fatto registrare 26 morti e 897 casi di contagio in Cina: il focolaio dell’epidemia è stato individuato in un mercato di animali a Wuhan, chiuso all’inizio di gennaio.

Cinque città sono state “isolate”, con forti limitazioni ai trasporti e agli eventi pubblici. Il primissimo contagio, probabilmente, è arrivato dai serpenti. Misure d’emergenza anche a Pechino, che ha chiuso uno dei suoi siti più famosi, la Città Proibita, e ha annullato i festeggiamenti per il Capodanno cinese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sisma 2016, terremotato 91enne riceve lettera di sfratto dalla Sae: “Questo è troppo, vivo con la paura”. Comune: “Legittimo, ma aiuteremo”

next