Italy

Von der Leyen: si apre semestre decisivo per il futuro Ue, con la presidenza tedesca

Le due presidenti tedesche in videoconferenza

EPA/CLEMENS BILAN

BRUXELLES – «Si aprono sei mesi determinanti per il futuro dell’Ue durante i quali bisognerà trovare non solo l’accordo per Next Generation Eu e per l’Mff 2021-27 nel Consiglio Europeo, ma anche assicurare che questo pacchetto sia approvato dal Parlamento Europeo e che i principali elementi siano ratificati dai Parlamenti nazionali negli Stati membri».

Lo dice la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, in una videoconferenza stampa congiunta in collegamento con la cancelliera tedesca Angela Merkel.  «C’è un’enorme pressione in termini di tempo – continua von der Leyen – ogni giorno che perdiamo, le persone perdono il lavoro, le imprese falliscono, le nostre economie si indeboliscono, ogni singolo giorno conta. Si può contare sulla presidenza tedesca, ma anche tutti gli Stati membri devono guardare oltre gli interessi immediati e focalizzarsi sui benefici per l’Ue», conclude. Le due tedesche fanno gioco di squadra, l’una sostiene l’altra, ma finora la Germania della cancelliera merkel sembra aver fatto per decenni gli interessi proprio piuttosto che quelli comuni, e sembra difficile che la rotta cambi dopo la pandemia,

Paolo Padoin

Paolo Padoin

già Prefetto di Firenze
Mail

Football news:

Mbappé ha colpito il PSG in una partita con L'Atalanta in Champions League
Guardiola ha giocato di nuovo contro Madrid senza attaccanti. Zidane non ha trovato una risposta
Gattuso sulla partita contro barca: Napoli salirà Sull'Everest
Lampard sulla partita contro il Bayern: la storia conosce le partite quando le cose sono cambiate. Chelsea ha bisogno di fiducia
Zinedine Zidane: sono l'allenatore del Real Madrid finché non succede qualcosa di straordinario
Varan sulla partenza da Champions League: Questa è la mia sconfitta. E ' un peccato per i soci
Guardiola sulla conversazione con Zidane: si è congratulato con la Liga, ha chiesto della famiglia. Spero che un giorno potremo cenare e parlare di tutto